Scroll to top

Manutenzione degli edifici ad uso civile

Eseguire la manutenzione di un edificio potrebbe sembrare un compito abbastanza semplice, eppure esso prevede un lavoro ben preciso di pianificazione e di monitoraggio degli interventi, In particolar modo per distinguere la manutenzione ordinaria da quella straordinaria.

 

Manutenzione degli edifici.

 

Svolgere interventi di manutenzione degli edifici significa mantenere l’abitazione efficiente ed ordinata. In questo contesto, si inseriscono lavori di diversa natura: dalla manutenzione degli impianti, alla pulizia dei giardini, al controllo e pulizia delle caldaie, alla sostituzione degli infissi.

Se ci sono alcuni dettagli che a colpo d’occhio ci fanno capire che un’abitazione ha bisogno di manutenzione (vernice esterna scrostata, macchie di muffa, infissi danneggiati dal sole) per altre tipologie di intervento non ci sono dei segnali spia altrettanto lampanti. Ecco perché la maggior parte delle manutenzioni ordinarie vanno programmate e svolte con costanza, per evitare spiacevoli sorprese o di trascurare impianti o spazi comuni.

 

Manutenzione ordinaria e straordinaria.

 

Sono compresi nei lavori di manutenzione ordinaria degli edifici tutti quegli interventi relativamente semplici, come la tinteggiatura, la verniciatura di porte e garage, la sostituzione di persiane della stessa misura, la sostituzione di elementi fatiscenti per ascensori o per grondaie, l’efficientamento degli impianti.

La manutenzione degli edifici si fa invece straordinaria quando interviene la necessità di fare un lavoro più profondo, come sostituire gli infissi con altri di diversa misura, rifare mura, sostituire i pavimenti, cancellate, recinzioni, tramezzi, sostituire i sanitari, effettuare lavori di consolidamento strutturale di elementi architettonici.

Alla luce di queste evenienze, il consiglio dei tecnici della nostra impresa è quello di fare una manutenzione programmata degli edifici, per gestire correttamente i carichi di lavoro e gli investimenti, beneficiando anno dopo anno di possibili incentivi e gestendo al meglio la spesa.

Related posts